Dom o sub? questo è il problema…

Pubblicato da Shiri Hikaru il

…No, non è questo il problema.

Leggo spesso delle domande o considerazioni su quali sono le caratteristiche dei Dominanti, su come si dovrebbero porre o in base a cosa si dovrebbero riconoscere. E di contro anche su come si dovrebbe comportare un/a sub. Ma mi stavo chiedendo se fosse davvero questa la chiave, è davvero così? c’è una lista di caratteristiche certe che connotano i due ruoli? Più ci penso e più è chiaro che qualcosa non quadra…

Leggendo, qualche tempo fa, alcune mirabolanti connotazioni che dovrebbe appunto avere un Dominante, mi sono trovata a chiedermi se per caso non lo fossi pure io. Strano no? E io che c’entro? Non so bisogna capire no?

Quello che salta all’occhio principalmente è che tutte queste liste, o caratteristiche, o connotazioni sembrano un tentativo di insegnare dei modi di essere, ma non da Dominanti o da sottomessi, ma da semplici persone ben educate, non nel senso di buone maniere e basta, nel senso di persone con valori e principi. Sono più una lista di desideri, o di aspettative puntualmente disattese…o quasi. Disattese certo, perché non si può educare un ruolo, non si può recitare qualcosa che non si è. Se non c’è la sostanza sotto, se non c’è una testa, un cuore, non c’è niente da educare. Rimane solo una maschera vuota, un qualcuno che fa ma che non è nulla.

Se non si conosce la persona, non si può vedere e riconoscere il Dominante, o la sottomessa, se non si ama la persona non si può servire e amare un padrone…non potrei mai mettere tutta me stessa al servizio di una maschera. A volte è necessario fare un salto fuori dal cerchio per trovare il proprio incastro… Solo allora tutto sarà perfetto. Anche Dominante e sottomessa, anche Padrone e schiava.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *