Amor Ereos

Pubblicato da Orizzonti Sconosciuti il

« Torna all'Indice del Glossario

O Amor Hereos, etimo incerto, probabilmente fondato sulla radice di Eros, dio greco dell’amore, usato per indicare la malattia d’amore, con l’accezione di stato della mente alterata dalla passione e portata ad uno livello innaturale e morboso.

La malattia d’amore fu scoperta dai medici greci e, Galeno (130-200 a.C.), ne descrisse alcuni sintomi, quali il deperimento fisico e l’accelerazione del battito cardiaco, senza però definirla come patologia; sarà solo in autori tardo antichi che il riferimento all’eros come una malattia mentale divenne esplicito così come pure il nesso con la mania e la malinconia.

La persistenza in epoca medievale di uno stretto vincolo tra hereos e mania è evidente se si considera il fatto che, nel Practica dicta Lilium medicine (1303), scritto dal medico Bernard Gordon di Montpellier (1258 ca. – 1320 ca), latinizzato in Gordonius, il capitolo sull’hereos segue immediatamente quello sulla mania e la malinconia.

Gordonius considerava l’amore al pari di una malattia mentale causante un eccesso di umore malinconico, andando a consigliare un modo estremo al quale si doveva ricorrere quando ogni altro rimedio falliva, anticipando così di cinque secoli l’attitudine vittoriana al sesso:

“Finaliter autem cum aliud consilium non habemus, imploremus auxiliumet consilium vetularum, ut ipsi dehonestent et diffament quantum possunt. Ipsae enim habent artem sagacem ad hoc plus quam viri. Cum dicit Avicenna aliqui sunt qui gaudent in audiendo foetida et illicita. Quaeratur igitur vetula turpissima in aspectu cum magnis dentibus et barba et cum turpi et vili habitu; et quae portet subter gremium pannum menstruatum et adveniens philocapta quae incipiat dehonestare camisiamsuam dicendo quantum est tignosa et ebriosa; et quae mingit in lecto; et quae est epileptica et impudica; et quae in corpore suo sunt excrescentiaeénormes cum foetore anhelitus, et aliis omnibus enormibus in quibus vetulae sunt edoctae. Si autem ex hiis persuasionibus nolit dimittere, subitoextrahat pannum menstruatum coram faciem, apostando dicendo cla- mando: talis est amica tua, talis. Et si ex hiis non dimiserit iam non est homo sed diabolus incarnatus.”

« Torna all'Indice del Glossario
error: Questo contenuto è protetto!!